Libera legalità: c’eravamo anche noi!

Oggi vi vogliamo raccontare un’esperienza veramente importante che ha coinvolto gli alunni della 1a A della scuola media di Via Satta: la partecipazione alla manifestazione voluta dall’associazione Libera di don Luigi Ciotti per ricordare chi ha perso la vita difendendo i valori della libertà e della democrazia contro la mafia.

Siamo partiti da Sassari con l’idea di fare una gita “particolare”.

In classe avevamo parlato tanto di questa giornata, eravamo preparati ma non pensavamo di trovare così tanta gente: alunni, insegnanti, genitori, nonni…arrivati da tutta l’isola con l’unico obiettivo di essere presenti per esprimere solidarietà alle famiglie colpite dai crimini mafiosi e prendere una posizione netta contro associazioni e comportamenti di tipo mafioso.

Anche noi siamo andati per dire pubblicamente che la nostra scuola, la nostra generazione e le nostre famiglie stanno dalla parte di chi denuncia il male e vuole che tutti siano liberi di esprimere le proprie idee, liberi di scegliere il proprio lavoro e la terra in cui vivere.

La parte più emozionante, il cuore della manifestazione, è stata la lettura dei nomi delle oltre 900 vittime innocenti delle mafie, che anche noi, assieme ad altri giovani, studenti, volontari e semplici cittadini abbiamo declamato dal palco.

Tra i nomi letti c’erano anche quelli dei sardi Emanuela Loi (l’agente di Polizia di Sestu morta nella strage di via D’Amelio), di Bonifacio Tilocca (padre del sindaco di Burgos e ucciso da un attentato dinamitardo nel 2004), e del sacerdote don Graziano Muntoni, ucciso ad Orgosolo nel 1998.

Ecco un video con i momenti più significativi della giornata.

Vedere così tanta gente assistere ai collegamenti dalle altre città ci fa credere che sia possibile quello che dice don Ciotti “in tanti possiamo fare quello che da soli è impossibile”.

NOI CI CREDIAMO

E voi?

dalla scuola media Rita Solinas e Rita Defalchi

Precedente Uno squisito percorso pasquale in coding-continuità Successivo Un famosissimo triangolo: quello di Sierpinski

Lascia un commento