Legarsi a Maria Lai

La nostra città ospita una bellissima mostra dedicata a Maria Lai, un’artista con la A maiuscola. Non potevamo perderla, impossibile non far gustare ai bambini la ricchezza e l’originalità di una donna che è rimasta un po’ bambina e che sino a nove anni era “analfabeta, ma piena di favole”.
Il 31 gennaio “l’arte li ha presi per mano” e la 3 A e la 3 B di via Forlanini si sono riempiti gli occhi della bellezza delle opere dell’Artista di Ulassai.
Telai, ceramiche, terrecotte, tele e tessuti, libri cuciti che generano testi illeggibili, foto e audio hanno saputo presentare una piccola donna di grande talento e dall’immensa fantasia che nelle sue opere, nei suoi grovigli di corde, fili e geografie ha saputo trasmettere come la fantasia e la realtà possa fondersi con armonia. Il tutto si snoda su due percorsi:
– legare/collegare con le immagini dell’operazione sul territorio di Ulassai “Legarsi alla Montagna”(1981) con cui reinterpretò un’antica leggenda del paese e riuscì a legare con circa 27 km di nastro azzurro tutte le case del paese alla montagna
– macrocosmo / microcosmo.
La mostra “Maria Lai in pubblic space”, a cura di Davide Mariani, organizzata da Alberto Paba è visitabile negli spazi dell’Ex Convento del Carmelo da martedì a domenica 10-13 / 16-19 sino al 22 febbraio.

Da quel di via Forlanini i bambini e le maestre della 3° A e della 3° B vi salutano!

 

Precedente Sulle sponde del lago di Baratz! Successivo La Scuola si fa bella: dipingiamo il contenitore dei giochi

Un commento su “Legarsi a Maria Lai

Lascia un commento