La fotosintesi clorofilliana

Quale ruolo gioca la creatività nella ricerca? E quali vantaggi provengono dal commettere errori durante attività di scoperta?

In questa classe la prof rende la scienza divertente ed emozionante per i suoi studenti e studentesse, incoraggiando la loro naturale curiosità sul mondo e insegnando loro come trovare le risposte per se stessi in un contesto più ampio, quello sociale.

Se i/le ragazzi/e hanno una domanda preferita, probabilmente è  perché? E gran parte della scienza  indaga proprio  sui “perché”. 

E tutti, giovani e adulti, siamo affascinati dallo scoprire come funzionano le cose.

Questa attività tratta di un’altra magia, la magia delle piante e la fotosintesi.

Le piante sono esseri autotrofi che costruiscono da sé  il nutrimento per le loro cellule, il glucosio, utilizzando molecole di acqua , di anidride carbonica e….. la luce del sole.
Poi come scarto, liberano nell’aria molecole di ossigeno indispensabili per la vita di tutti i viventi.


 

Con questa attività vogliamo capire un po’ meglio la fotosintesi clorofilliana, una magica reazione chimica che solo le piante sanno fare.
I ragazzi sanno già cosa siano le molecole e gli atomi, e possono visualizzarne in ogni momento i modellini, fatti con le palle colorate, appesi alla parete dell’aula di scienze.


Le palline che rappresentano gli atomi ( da incollare sul foglio verde) sono state ottenute con una macchinetta obliteratrice

Per fare una molecola di glucosio C6H12 O6, come leggiamo nella formula e osserviamo nel modellino, occorrono 6 atomi di carbonio (giallo) ©, 12 atomi di idrogeno (blu)H e 6 di ossigeno(rosso) O …
cerchiamo di ragionare insieme su quali e quante siano le molecole da cui si possono ricavare questi atomi .

FASE 1
Tutti gli alunni prendono e incollano sul foglio verde (il cloroplasto, organulo della cellula vegetale in cui avviene la fotosintesi clorofilliana) 6 molecoline di acqua e 6 molecoline di anidride carbonica ben incolonnate in modo da poter agevolmente contare gli atomi che le compongono .

FASE 2

La luce del sole smonta le molecole negli atomi che le compongono……gli alunni prendono
tanti pallini gialli, rossi e blu quanti sono quelli che compongono le molecole di partenza e le incollano in modo disordinato

FASE 3

Si forma una molecola di glucosio e si liberano 6 molecole di ossigeno,  formate ciascuna  da 2 atomi di ossigeno. Gli alunni, seguendo le indicazioni della formula grezza C6H12O6 compongono la molecola di glucosio ponendo al centro, ai vertici di un esagono, gli atomi di carbonio, a cui  legano, in modo ordinato, gli altri atomi……….osserveranno , infine, che vengono scartate 12 palline rosse,  proprio 6 molecole di ossigeno



 

Perché, come dice la prof. Santona,

….nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma…,

citando un certo Lavoisier!!!!!

 

 

 

 

da tenor

Perciò, buona magia a noi con questo bell’esempio di didattica viva:-)


Articolo curato dalla maestra Maria Giovanna

Precedente Un bosco dietro casa, o quasi! Successivo Facciamo continuità con il teatrino delle ombre

Lascia un commento