Facciamo continuità con il teatrino delle ombre

Alla scuola PRIMARIA di BANCALI continuano gli incontri di continuità con i bambini di cinque anni dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia.

Questa volta l’appuntamento è stato fissato per il tredici e il quattordici MAGGIO, in questa occasione gli insegnanti delle classi ponte insieme agli alunni della classe quinta, hanno accolto i genitori e i bambini che il prossimo anno frequenteranno la nostra scuola, per coinvolgerli in attività educative, ricreative, divertenti e coinvolgenti.

I bambini hanno potuto familiarizzare con gli spazi della futura scuola, interagire con i nuovi insegnanti e realizzare esperienze condivise utili a facilitare il passaggio tra i diversi ordini di scuola.

  • La mattinata è iniziata con il racconto di una storia dal titolo “In una notte di temporale” che parla di una sorprendente amicizia tra un lupo e una capra, nata in una notte di temporale.

Un lupo e una capretta si rifugiano in una capanna abbandonata. La tempesta infuria, la pioggia scroscia e il buio è totale; nasce così un’amicizia unica che dovrà resistere a mille avversità!

Con l’ausilio di un TEATRINO delle Ombre realizzato per l’occasione, i bambini hanno ascoltato la storia raccontata direttamente dalle sagome dei personaggi, illuminate da una fonte di luce collocata dietro la struttura del teatro, animate dai bambini della quinta.

V

Ora tutti in palestra!

  • FACCIAMO il gioco del paracadute!!!!!

Si tratta di un telo rotondo, grandissimo suddiviso in spicchi colorati che ha permesso la realizzazione di tantissimi giochi davvero coinvolgenti e divertenti.

Naturalmente non è mancato il momento della merenda… Un’ottima Macedonia di frutta che i bambini della classe quinta hanno pazientemente preparato quella mattina.

Al termine tutti i piccoli ospiti si sono dimostrati a loro agio e le attività proposte si sono rivelate funzionali per un passaggio sereno nella nuova scuola in un clima stimolante e divertente.

Da Bancali… maestra Manuela

Precedente La fotosintesi clorofilliana Successivo La corsa contro la fame

Lascia un commento