L’ albero dei libri

Se i libri fossero


Se i libri fossero di torrone,
ne leggerei uno a colazione.

Se un libro fosse fatto di prosciutto,
a mezzogiorno lo leggerei tutto.

Se i libri fossero di marmellata,
a merenda darei una ripassata.

Se i libri fossero frutta candita,
li sfoglierei leccandomi le dita.

Se un libro fosse di burro e panna,
lo leggerei prima della nanna.
Roberto Piumini

Chi non conosce questa famosa poesia!

Il mio desiderio è sempre stato che i miei alunni amassero i libri e la lettura quanto li amo io.

Tanti i tentativi fatti già dalla classe prima per stimolare questo interesse, e i risultati iniziano ad arrivare.

Quest’anno ho pensato di far realizzare loro un albero, da collocare fuori dalla nostra aula, su cui appendere un cartellino per ogni libro letto, su cui riportare poche e semplici informazioni

  • titolo del libro
  • autore
  • lettore
  • gradimento

All’esterno del cartellino ciascuno di loro poneva il suo simbolo: chi un cuore, chi una bandiera, chi un sole….

Il risultato è stato che i bambini e le bambine della classe terza di San Donato sono quelli che hanno preso in prestito il numero maggiore di libri della Biblioteca scolastica.

Alcuni hanno inoltre usufruito del prestito dei libri della biblioteca della classe quarta gestito dai loro stessi compagni più grandi.

Ecco come si presenta il nostro albero al termine dell’anno scolastico

Volano al vento le parole che aprono le menti e i cuori.

Grazie ai bambini e alle bambine della classe terza di San Donato.

Maestra Tiziana

Precedente Maratona multilingue Successivo La paura ha sempre un biscotto in tasca

Lascia un commento