Crea sito

Il bicchiere mezzo pieno

Non è facile in questo momento vedere il bicchiere mezzo pieno ma è un’occasione per promuovere e sviluppare l’autonomia dei nostri bambini a tutti i livelli.

I bambini della scuola dell’infanzia possono essere aiutati a fare da sé, come fanno a scuola: lavarsi, vestirsi, mettere in ordine i giochi e aiutare i genitori o i nonni nelle piccole faccende quotidiane. Chi abita in campagna può osservare la natura: raccogliere le foglie e classificarle creando bellissime opere d’arte per abbellire il giardino, si possono osservare gli insetti, o ci si può prendere cura degli animali da compagnia. Chi abita in un appartamento può osservare le cose che ci sono in casa e comprendere le procedure per fare funzionare gli elettrodomestici o aiutare nella preparazione di una ricetta. Si può ascoltare la musica e memorizzare semplici filastrocche. Si può costruire con materiale da riciclo una scultura e darle un nome. si può ballare e inventare gesti o sequenze di movimenti per accompagnare le parole.

Anche i genitori e i nonni sono stati bambini, rispolverate i giochi che facevate da piccoli e proponeteli ai bambini raccontando come eravate aiutandovi con fotografie o “reperti” scolastici di quando eravate piccoli.

Il nostro blog è ricchissimo: anche da un telefono i genitori possono far rivedere ai bambini le attività recenti o lontane che hanno fatto a scuola e i più grandicelli le possono raccontare esprimendo le emozioni che suscitano in loro.

Le insegnanti della Scuola dell’infanzia mantengono il filo diretto con i genitori suggerendo attività su internet da poter svolgere in autonomia, canzoni, storie da ascoltare e da vedere.

I genitori hanno accolto con entusiasmo e giornalmente arrivano video e audio dei bambini al lavoro che riempiono il cuore di noi maestre e ci fanno pesare meno questo distacco forzato: sono abbracci e baci virtuali che ci danno l’energia per andare avanti

Promuoviamo l’autonomia dei nostri bambini, facciamoli diventare grandi curando la relazione insegnando loro a fare da sé e insieme. Abbiate pazienza e cercate di essere comprensivi, fate passare qualche capriccio ma rispettate i ruoli.

Quando tutto questo finirà, nella loro memoria rimarrà la sensazione di cura e amore che in questi giorni abbiamo trasmesso.

Maestra Stefania

Articolo a cura di Stefania Nigra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *