Dove la matematica e l’arte si incontrano

Tutto ha avuto inizio con la festa del papà. Pensavo a quale attività proporre ai piccoli per celebrare questa ricorrenza. Disegnini, lavoretti. Sì, va bene. Ma non ero ancora convinta. Ho ripensato allora ad una bellissima curva. Questa:

Se è stata chiamata “il cuore dei matematici” sarebbe andata bene anche per un cuore di affetto da donare ai papà.

Ho deciso perciò di proporre questo lavoro.

C’erano dei rischi, però. I piccoli non sanno ancora usare il righello e l’argomento è certamente complesso. Sono monellini e monelline di una seconda classe. Come fare?

Un ricordo mi è venuto in aiuto.

Naum Gabo e le  sorprendenti sculture  che creava  tirando dei fili attraverso dei fori in diverse cornici, ottenendo in questo modo splendide curve e disegni.

 

e un’attività letta nel libro “Ce li hai i numeri? Scopri la matematica che c’è in te” di Kristin Dahl, editoriale Scienza.

Ho allora proposto un approccio morbido e graduale con la presentazione di queste attività:

  ♥

Ora  colleghiamo tra loro i numeri che sommati danno 13,

12+1= …

 11+2=…

10+3=…


E tra la meraviglia dei bambini e delle bambine si è scoperto che tracciando linee diritte con il righello siamo riusciti a fare delle curve.

 ♥

Si comincia con un quadrato. Ogni lato viene diviso in segmenti uguali. In questo caso, si devono collegare i numeri che, sommati tra loro, danno 12.

Dovete anche sapere che in classe avevamo  delle ospiti graditissime: tre future maestre dell’alternanza Scuola-Lavoro.

E anche loro hanno partecipato con entusiasmo alle attività.

Ecco Alessia&Chiara&Valeria al lavoro:

♥ 

Anche Alessia, la giovane futura maestra, ha voluto costruire la cardioide:

 

A prima vista, la matematica e l’arte potrebbero sembrare mondi a parte, ma noi che abbiamo guardato  più da vicino abbiamo scoperto  che la matematica è piena di schemi e questi schemi possono essere complessi, decorativi e belli. Creare una curva  è uno dei  modi per vedere come si collegano la matematica e l’arte.

 

 Tutti e tutte hanno iniziato a prenderci gusto. E l’attività è continuata con altre proposte, anche più elaborate.

 ♥

E’ il momento di lavorare con un cerchio suddiviso:

 Qui ci sono state diverse discussioni che hanno coinvolto qualche piccolo e le nostre ospiti.

Tutto ha avuto inizio con un intervento di Jana che ha completato la sua curva facendo salti di 6. Questo è stato di aiuto per molti. Invece di procedere in maniera disordinata, Jana ha suggerito un metodo. Nel video manca questa parte; cercheremo di riprenderla per documentarla nella sua interezza.

Parliamo di ipotesi, e di conferma o smentita delle stesse, e di superamenti di errori dopo attente riflessioni:

 ♥

 ♥

E questa attività ha termine. Continueremo in altri momenti e con altre proposte.

I bambini, le bambine, le future maestre Alessia, Chiara e Valeria e le maestre Vittoria e MariaGiovanna

Buone curve (paraboliche e inviluppanti [!!!] ) a voi,

da quel di San Donato

 

 

Precedente La ruota dei numeri: giocando con la matematica Successivo Coloriamo la nostra tavola

4 commenti su “Dove la matematica e l’arte si incontrano

Lascia un commento