Bardunfula!

La settimana scorsa il nostro Istituto ha collaborato attivamente alla realizzazione del bellissimo Festival delle culture e delle letterature delle bambine e dei bambini: Bardunfula, che in sardo significa trottola.

Sono stati due giorni intensi, pieni di colori e lingue diverse. Non a caso il tema di questa prima e riuscitissima edizione era “Narrare il mondo”. E chi meglio della nostra scuola, così riccamente multietnica, poteva contribuire?
Il vecchio mercato civico di Sassari per due giorni si è riempito di bambini e adulti: infatti il Festival è stato ironicamente – ma non troppo – definito “adulti friendly” e alle attività laboratoriali hanno potuto partecipare bambini dai 0 ai 99 e più anni, seduti gli uni accanto agli altri a scrivere, tessere, dipingere, immaginare, costruire. Un bellissimo scambio generazionale che ha visto anche la partecipazione dei nonni.

Bardunfula è una trottolinaA smontare la parola si rischia poi di andar lontanoBardo è il cantastorie di antichi…

Gepostet von Il Colombre am Dienstag, 4. Juni 2019
Ecco qualche immagine di Maria Rassu

Durante le due giornate si sono susseguiti una serie di eventi come presentazioni di libri con gli autori e gli illustratori degli stessi, spettacoli teatrali e musicali, letture con il kamishibai, sketch comici con i giullari Molletta e Ale, i contos de foghile (racconti del focolare) e il divertentissimo concerto/spettacolo Filastrocche’n’roll che ha fatto cantare e ballare tutti con brani come “Non ho fatto i compiti maestra” che potrebbe regalare nuovi spunti per bugie bianche ai nostri alunni più furbetti.

I nostri alunni, proprio loro, sono stati protagonisti di diverse iniziative: innanzitutto la presentazione del libro di Franca Falchi “La paura ha sempre un biscotto in tasca” (Catartica edizioni, giovane casa editrice sassarese), già presentato nel nostro istituto, nel plesso di Caniga, durante il Piccolo Festival “Saper leggere il libro del mondo”.
Questa volta però la scrittrice Franca Falchi è stata messa sotto torchio dai nostri alunni di San Donato – in particolare da Anna, Danilo, Youssouph e Sofia – che, punzecchiati dalla sottoscritta, hanno intervistato l’autrice del libro.

Foto di Maria Rassu

Il giorno dopo è toccato ai bambini del plesso di via Forlanini, emozionati quanto le loro maestre e i numerosi parenti accorsi al mercato per la presentazione del loro libro. Eh sì, perché i piccoli delle classi terze di via Forlanini hanno scritto e illustrato un bellissimo libro dal titolo “In fondo al mare con Stellina” e l’hanno presentato sul palco di Bardunfula davanti a una platea attenta di parenti e spettatori. Sono stati bravissimi nonostante l’emozione abbia reso alcuni di loro particolarmente silenziosi (chissà che il miracolo si ripeta in classe! 😀 ).

Foto Il Colombre

Sempre i bambini del plesso di via Forlanini, ma della classe quarta, sono diventati reporters per un giorno e hanno intervistato scrittori, illustratori e semplici visitatori del Festival, con una gentilezza e una professionalità che si fatica a trovare tra gli adulti: bravissimi anche loro!

Foto Il Colombre

Insomma: quello che hanno fatto l’associazione Il Colombre e la Libreria Dessì – con il patrocinio del Comune di Sassari e la collaborazione di altri enti e del nostro Istituto – è davvero un piccolo miracolo: portare tantissimi artisti da tutta l’isola e un pubblico variegato e gioioso nelle prime due giornate di calura estiva, è stato davvero un ottimo inizio.

Maestra Silvia e i bambini di San Donato e dintorni.

Precedente Amico mare Successivo Maratona multilingue

Lascia un commento