A su mortu mortu

Facciamo festa:

il nostro “Halloween” ossia Su mortu mortu.

Questa festa esiste in Sardegna da secoli, e la notte dei morti resta legata a innumerevoli tradizioni.

I bambini girano per le strade dei paesi bussando alle porte gridando ‘su mortu mortu‘ e/o chiedendo ‘pro is animeddas‘ con un sacco o una federa sulle spalle. In altre zone della Sardegna venivano esposte delle zucche che private della polpa interna assumevano le fattezze di un volto umano e illuminate da una luce tracciavano alle anime la via del ritorno.

 
Powered by emaze

Gli obiettivi che mi sono posta per questo lavoro sono quelli di far conoscere ai bambini le tradizioni della Festa di Ogni Santi in Sardegna e nel mondo e conoscere i personaggi che animano questa festa (zucche, fantasmi etc),  anche per favorire il superamento delle proprie paure e abituarli ad esprimere le emozioni con il corpo.

Ecco una breve filmato fotografico dell’attività

♥ ♥ ♥

  

Splendida attività condivisa dalla maestra Paola Piliu e dai suoi piccoli

da quel di SD

Precedente Halloween Successivo Un abaco improvviso

3 commenti su “A su mortu mortu

  1. pintadera il said:

    Grazie, maestra Paola, per aver contribuito con questa splendida attività a riportare alla mia memoria quei momenti intensi e unici de “su moltu moltu” della mia infanzia. Era allegria pura andare in giro in gruppo per le case del paese e chiedere quello che adesso viene chiamato “scherzetto – dolcetto”. Quelli sì che erano bei tempi:-)
    m.stra Maria Giovanna

Lascia un commento