Tutti a tavola!

Oggi Maestra Maria, ci parla di un momento speciale che tutti i bambini della scuola dell’Infanzia “F. D. A” vivono quotidianamente.

La scuola dell’Infanzia ha fra le sue finalità lo sviluppo dell’autonomia del bambino, valorizzandone il “fare” e le sue competenze.
E lo sappiamo bene noi, alla Scuola dell’Infanzia “F. D. A”, che da quest’anno abbiamo deciso di portare avanti un intervento educativo che potenziasse questa finalità anche in un ambito insolitamente didattico, la mensa scolastica.

Quest’anno, noi, insegnanti di entrambe le sezioni presenti, abbiamo pensato di rivoluzionare il momento del pasto, che fino a pochi mesi fa, veniva vissuto come un momento caotico, ed esclusivamente legato al mero nutrimento.
Abbiamo pensato a come rendere questo momento un’occasione sociale di benessere in cui si creano vere relazioni positive.

Abbiamo iniziato col dare un cambiamento radicale all’ambiente; oggi disponiamo di una bellisima sala mensa, a misura di bambino, luminosa, i cui arredi sono strutturati, disposti ed adeguati per le necessità dei piccoli alunni, in modo che tutti siano visibili fra di loro, (a ferro di cavallo), in cui ogni bambino gode di una postazione fissa pensata dalle insegnanti per un giusto equilibrio del momento. Le insegnanti sono vicine, visibili al centro, sostengono i bambini, la loro partecipazione e le regole da rispettare, vivendo così tutti assieme il momento del pasto come momento di rilassante convivialità.

Quest’anno poi abbiamo potuto contare sull’importante disponibilità e collaborazione della nostra Assistente Mensa, Anna Maria Mascia, che con tanta pazienza, calma e vero affetto, si presta alla riuscita del progetto. Anna Maria, in accordo con le insegnanti, sceglie e nomina due “responsabili”, apponendo un contrassegno a forma di capello da cuoco accanto al nome dei prescelti su un grande cartellone visibile a tutti.
Ogni giorno i due responsabili, indossano una divisa acquistata dalle insegnanti, che in questo modo dona ufficialità al loro ruolo, questi, hanno il compito di aparecchiare, sparecchiare, servire i compagni ed aiutare i più piccoli.

Refezione scolastica come momento educativo?

Si!

Vediamo quali competenze disciplinari e trasversali abbiamo coltivato nei nostri bambini durante questi mesi:

1) Importanza della turnazione e dello scorrere del tempo (oggi è lunedì e tocca a me, domani è martedì e toccherà a te…);
2) Relazione di cura dei reponsabili verso i coetanei (ho cura di te, servendoti in modo appropriato e con attenzione);
3) Responsabilizzazione (oggi il responsabile sono io, mi comporto nel rispetto delle regole);
4) Acquisizione dei tempi e modi corretti dello stare a tavola;
5) Gratificazione, aumento dell’autostima e rinforzo positivo (sono capace di…);
6) Approccio all’ambito logico/matematico (quanti bambini? Quanti assenti? Quanti coperti?);
7) Approcio globale al codice scritto tramite il cartellone dei nomi;
8) Potenziamento della propria coordinazione motoria (devo muovermi con attenzione mentre svolgo il mio compito).

Guardate come sono belli i nostri bambini con le loro divise colorate!

tutti a tavola

Maestra Maria, Maestra Gianna, Maestra Donatella, Maestra Angelica e Maestra Sonia.

Da maestra Tiziana da quel di FDA!

Precedente Progetto di lingua sarda. Su corpus in movimentu. Successivo Il signore dei tamburi 🥁

Lascia un commento