Si parte!

Si sa che il primo giorno di scuola è sempre un momento emozionante… non importa l’età o la scuola: infanzia, elementari, medie, superiori…anche il primo giorno di lezione all’università. Quando si inizia un nuovo percorso si provano sempre emozioni contrastanti: gioia, paura, sorpresa, attesa…

Ecco perché, per il primo giorno di scuola pensiamo sempre di proporre attività che facciano provare delle belle emozioni ai nostri alunni, affinché i ricordi legati a questo giorno si fissino nella loro memoria e diventino incancellabili.

Quest’anno il tema prescelto è stato quello del viaggio…

ma non un viaggio qualsiasi…… un viaggio con la mitica compagnia aerea Air San Donato Fly…

E allora si prepari il personale di bordo, megafono alla mano e a suon di corno (grazie al capo steward M.° Rizzu) ci prepariamo per l’imbarco.Le altre hostess con il collaboratore Ara (addetto al controllo e ai segnali sonori durante tutto il viaggio) sono in posizione.

Si parte!Dopo una breve visita alla scuola inizia la fase di conoscenza più approfondita.

Forse abbiamo dimenticato di dirvi una cosa…la nostra compagnia è moooooolto particolare, quando decidiamo di partire lo facciamo con mezzi non convenzionali. Ecco la nostra speciale “Mongolfiera dei desideri“, che relazione ha con il nostro viaggio? Avrà un compito molto importante. Leggete cosa abbiamo chiesto ai nostri alunni:

Si è concluso un viaggio durato cinque anni, cosa lasci dietro di te? cosa ti porti nel cuore? cosa speri di imparare quest’anno? Raccontalo e regala i tuoi desideri alla mongolfiera, a giungno scoprirai se si saranno avverati.

 
Siamo andati a sbirciare…shhhhhh

mi mancheranno i corridoi della scuola, i miei amici, le maestre a cui voglio un mondo di bene

mi mancheranno le maestre, insostituibili!”

spero di imparare tante cose nuove e avere nuovi amici

porto nel cuore le risate e spero di vivere dei bei momenti

Buon viaggio ragazzi!dalla scuola media Rita Defalchi

Precedente A spasso nella musica Successivo Halloween nella scuola media di Fabrizio de André

Lascia un commento