Misuratore “fai da te” di angoli:-))

In classe, ciascuno/a ha il proprio modello di angolo retto e con questo si effettuano misurazioni di angoli di diversa ampiezza. Si misura l’ampiezza di tutto quello che capita sotto gli occhi;-).

Ma, … , se volessimo essere più precisi nelle misurazioni?

Un altro strumento “artigianale” fa al caso nostro.

Lo potremmo chiamare  il Misuratore di angoli “fai da te” .

Con Power Point ho allora preparato questo strumentino:

La forma base è un cerchio suddiviso in 32 “spiccchi”.

La linea tratteggiata rappresenta il punto 0 dal quale iniziare la numerazione.

Per individuare l’ampiezza di un determinato angolo si contano il numero degli “spicchi” che lo “formano” .

Ho poi stampato il file utilizzando la carta trasparente per permettere ai bambini di visionare direttamente l’ampiezza dei singoli angoli considerati. Ciascuno/a ha il proprio misuratore.

Prima di iniziare ho chiesto alla classe di osservare il nuovo strumento e di provare a ipotizzare come potesse essere usato.

Ciro si fa avanti:-)

E’ proprio come ha detto lui. Bravo bambino!

Ecco una breve descrizione per l’utilizzo dello strumento.

Come si misura

Si appoggia il misuratore sull’angolo in modo che il suo centro si trovi sul vertice dell’angolo;

si ruota il misuratore finché la linea che corrisponde al punto 0 si sovrapponga ad uno dei lati dell’angolo;

Si osserva con molta attenzione in corrispondenza di quale linea cade il secondo lato dell’angolo;

si legge sul misuratore il numero di spicchi compreso fra questa linea e il punto 0 ;

E, finalmente, dopo aver misurato ogni angolo si registrerà l’ampiezza, espressa in “spicchi”.

no images were found

E’ venuto il momento di lavorare in gruppo.

Ho distribuito dei grandi fogli di carta quadrettati dove si dovevano disegnare poligoni diversi, a loro scelta.

Di seguito una galleria fotografica che documenta le fasi dell’attività:

Ancora non è il momento, ma ben presto in classe ci si accorgerà che usando questo strumento, la misurazione può non essere precisa; ad esempio un angolo può essere più ampio di 8 spicchi e meno di 9.

Nascerà così l’esigenza di conoscere qualcosa di più sull’angolo e sullo strumento che potrebbe offrire più precisione.

E questi saranno nuovi sviluppi nel prossimo anno.

Le attività sugli angoli comunque continuano.

I bambini e le bambine della classe terza con maestra Maria Giovanna

da quel di SD

Precedente Costruiamo quadrilateri, qualche classificazione Successivo Un dono profumato per la mamma

Lascia un commento