I Nonni Raccontano…

“Il verbo Leggere non sopporta l’imperativo”

Gianni Rodari

Anche quest’anno alla scuola Primaria di BANCALI continua il progetto LETTURA che ha preso avvio lo scorso anno scolastico e che è stato portato avanti fino ad oggi attraverso iniziative didattiche e formative. Questo progetto nasce con lo scopo di promuovere l’amore e il piacere per la lettura nei bambini della nostra scuola e tracciare un percorso che li guidi a considerare il libro e la lettura un bene e una ricchezza personale.

I nostri alunni sono stati completamente assorbiti dall’ascolto di storie, raccontate anche da coloro che rappresentano un punto di riferimento importante nella loro vita, che li aiutano a crescere, che si prendono cura di loro e che noi non possiamo fare a meno di amare: i NONNI.

Con grande e sincera disponibilità hanno accolto senza esitazione e con entusiasmo l’invito degli insegnanti a recarsi presso la nostra scuola per raccontare o leggere storie di quando erano piccoli o episodi della loro vita passata…. hanno raccontato in lingua sarda, in sassarese, in italiano… è stata un’esperienza unica per tutti, non soltanto per i nostri futuri GRANDI LETTORI.

… nonna Maria racconta…

Nonna Maria ha raccontato in lingua sarda, ha condiviso con noi il ricordo del suo lavoro di insegnante al quale si dedicava con grande passione e dedizione…

…. nonno Giuseppe…

Nonno Giuseppe ci ha raccontato di come era la vita di una volta… dei tempi della scuola… di quando indossava I calzoni corti anche d’inverno e accompagnava la mamma alla fontana di Rosello per lavare i panni…

nonno Giuseppe e nonna Maria Antonietta

Anche i nonni del nostro compagno Daniel ci hanno regalato momenti davvero intensi nel raccontare di quando giocavano a bacchetta mamma o a cimasella…. delle partite a calcio con una palla di carta riciclata e delle gare dei tappi di bottiglia da far rotolare in un percorso definito con un pezzo di carbone.

nonno Francesco e nonna Peppina

Hanno accolto il nostro invito ben dodici nonni che ci hanno tenuto compagnia per tutta la mattinata.

Oggi per noi tutti è stato davvero un momento di crescita personale e di condivisione… per qualcuno è stato motivo di orgoglio avere i propri nonni a scuola e per altri invece un ritornare bambini… sopratutto per chi, come me, ormai i nonni non li ha più.

È stato un tuffo nei mei ricordi di bambina… di quando la mia indimenticabile nonna…. la nonna dei sapori e dei profumi di casa, mi insegnava le preghiere in sardo e mi raccontava tutto della sua infanzia… di quando mi consolava di nascosto se finivo in punizione per qualche monelleria che avevo combinato e mi raccontava, forse per la centesima volta, la storia dei nostri antenati e tutti i gradi di parentela che li legava alla nostra famiglia… e io, per non farla rimanere male e per il piacere di ascoltarla, ogni volta risentito quelle storie che sapevo benissimo a memoria.

Grazie di cuore ai nonni che sono intervenuti e anche a coloro che non hanno potuto esserci, perché rappresentano un patrimonio inesauribile di comprensione e di amore. 

Da Bancali…. maestra Manuela

Precedente La Banca d'Italia approda al Fabrizio De Andrè 🏫💲💲💲💲 Successivo 3 lettori per 3 sezioni 📚🏫

2 commenti su “I Nonni Raccontano…

Lascia un commento