UN MARE DI PLASTICA

Alla scuola primaria di BANCALI si parla delle problematiche relative all’ inquinamento delle acque dovuto alle plastiche e micro plastiche.
Le proposte fatte grazie al progetto “SPLASH” hanno permesso di comprendere, attraverso alcune esperienze, le problematiche inerenti i cambiamenti climatici e l’inquinamento.

La trattativa degli elementi è stata particolarmente interessante, guidata con gradualità in base ai livelli di conoscenza e competenza degli alunni, ma anche motivante in quanto è stata accompagnata da spiegazioni, filmati e immagini reali che hanno dato vita ad un intenso dialogo di interessi.

btr

Per condizioni meteorologiche avverse non è stato possibile effettuare l’esperienza presso il punto più vicino al comune della costa nord, “Platamona”, quindi, è stata predisposta dagli esperti una simulazione di ricerca delle micro plastiche all’ interno di un contenitore ripieno di materiale sabbioso in cui sono stati nascosti preventivamente più di 200 elementi.



Tutti i bambini con una corretta turnazione hanno ricercato le particelle all ’interno della sabbia, le hanno individuate e classificate, hanno anche valutato la numerosità degli elementi in uno spazio così ristretto confrontando le quantità con quelle rintracciabili in spazi molto più ampi come quelli della spiaggia.

I nostri bambini della classe TERZA scrivono…

Con la gli scarti della lana scartata dalla nonna Valentina realizza i capelli per le bambole di sua creazione…

La mamma di Clara realizza dei bellissimi porta penne con i rotoli della carta igienica, mentre Leonardo usa i tubetti delle patatine salate come contenitore per le sue macchinette

Alice usa i tubetti di scottex per realizzare bracciali luccicanti e preziosi per le sue bamboline mentre la mamma di Daniel quando va a l mare raccoglie anche la plastica che hanno lasciato le altre persone.

Salviamo la natura e il mare!!

Un saluto a tutti da maestra Manuela

Precedente CONTINUITA'... 1^ PARTE Successivo Fish 🐟 cheap ⛵ 2019

Lascia un commento