※ Numeri vanitosi, i palindromi ※

Qualche tempo fa qualcuno di voi, non ricordo bene chi, forse Melissa, mi ha proposto questo enigma.

chiedendomi se nel leggere la frase notassi qualcosa di strano.

È arrivato il momento di rilanciare.

Cos’ha di particolare questa frase tutto sommato banale?

Leggetela e ancora.

Poi cambiate prospettiva;-): leggetela al contrario.

Mi sapete dire?

Vi siete ben sbizzarriti/e nei vostri tentativi:  chi ha visto il numero sei, chi si è chiesto chi avesse mangiato tutte le mele e se gli fosse venuto il mal di pancia,  e altre amene 😂 interazioni.

Poi è arrivata Monica:

Monica ha giocato a casa sulle frasi palindrome:-)

Questa attività sui numeri palindromi è nata per caso.

Discutendo sul problema di qualche giorno fa, il numero magico 1 089, Bea ha proposto il numero 141 e, operando alla lavagna, si è accorta di qualcosa ;-).

Ne abbiamo parlato.

Eh, sì, il 141 è un numero particolare. E Adele ha parlato di specchio😊

È questa interazione in classe che ha perciò consentito di indagare su un altro modello di numeri, i palindromi.

Un numero è chiamato palindromo se può essere letto indifferentemente da sinistra verso destra (pensate a come leggiamo) oppure da destra verso sinistra.

Tutti i numeri con una sola cifra sono palindromi. Allo specchio è facile da constatare



Allo specchio, solo le cifre 0 e 8 restano identiche; le altre sono al contrario.

I palindromi con due cifre sono nove (sono i multipli di 11 minori di 100)

Esistono 90 palindromi con 3 cifre quindi 109 palindromi minori di 1 000

E qui la discussione continua.

Alla mia domanda:

Come posso avere altri palindromi partendo da un numero qualsiasi?

gli interventi sono stati diversi, e molto articolati.

Vediamoli:


Come si può osservare dalle interazioni verbali, alcuni numeri possono diventare palindromi con una sola addizione, come il numero 12:

  12 + 21 = 33.

In altri casi un numero diventa palindromo dopo diverse addizioni; spesso abbiamo dovuto sommare tante volte, ma il palindromo è apparso:-)

e ancora, utilizzando la specularità:

Anche alcuni anni sono palindromi:

Una curiosità. Se anche vi sembra di aver paura dei palindromi, fatevela passare.

Pensate, esiste l’ aibofobia, cioè la paura dei palindromi. (Sembra che questo termine sia stato usato per la prima volta da Bartezzaghi, il famoso creatore di cruciverba)

Ma, leggete la stessa parola al contrario … notate qualcosa?J

Ovviamente è uno scherzo, e ben riuscito, ma la morale è sempre la stessa.

Ben vengano i palindromi siano essi numeri o parole o frasi.

E non è finita😉

Maestra Tiziana ❤ha voluto farci una sorpresa che vedrete nel prossimo post.

In quel di SD si continua a indagare

✌Bravi e Brave petulantes della classe IV^✌

le maestre Maria Giovanna e Anna vi inviano sorrisi

Precedente I Sumeri e il nostro lapbook Successivo La Scuola si fa bella: la scenografia del mare

Lascia un commento